Accedi al sito
Serve aiuto?

Displasia dell'anca

La displasia dell'anca: cosa è, come si riconosce, come si previene e come si cura.

Che cosa è la displasia dell'anca?

La displasia dell'anca è una malformazione della articolazione tra la testa del femore e il  bacino, che si sviluppa durante la crescita del cane. La corretta conformazione dell'anca deriva da un giusto equilibrio tra le forze esercitate dalle diverse strutture ossee, muscolari e legamentose, che consentono alla testa del femore di rimanere ben inserita nella sua sede (acetabolo) nel bacino. In un cucciolo affetto da displasia invece, manca la perfetta congruità delle superfici ossee femorali e acetabolari, per cui i margini articolari vanno incontro ad una precoce usura e la cartilagine subisce una progressiva degenerazione. Con il passare del tempo l'intera articolazione sviluppa una artrosi progressivamente più grave, con dolore, zoppicatura e incapacità del cane di correre, saltare e camminare.

Quali sono le cause che determinano la displasia dell'anca?

La displasia dell'anca è una malattia tipicamente "multifattoriale", nella quale cause di tipo genetico, ambientale e nutrizionale concorrono a determinare l'insorgenza e la gravità. L'aspetto genetico coinvolge la genealogia dei diversi soggetti, per cui per stabilire se un cane è portatore della malattia è necessario conoscere lo stato di salute non solo dei suoi genitori, ma anche dei progenitori e dei suoi fratelli e sorelle. L'ambiente in cui l'animale vive comprende l'attività fisica, gli eventuali traumi subiti e la concomitanza di altre malattie dell'accrescimento che contribuiscono all'instaurarsi delle malformazioni osteoarticolari, come pure è assolutamente importante l'utilizzo di una alimentazione bilanciata, di ottima qualità ed in grado di prevenire il precoce sovrappeso del cucciolo.

Quali cani colpisce la displasia dell'anca?

E' noto che la displasia dell'anca colpisce prevalentemente i cani appartenenti alle razze di taglia grande e gigante; in Italia, per diffusione della razza e per numero di soggetti colpiti segnialiamo in particolare il Pastore tedesco, i Retrievers, il Rottweiler, il Dogue de Bordeaux, il Cane corso, il Boxer, il Terranova, il Mastino napoletano, i Molossoidi e tutti gli incroci di esemplari di queste razze. Da ricordare che la displasia dell'anca, non avendo come causa esclusiva un problema genetico, può colpire tutti i cani di taglia grande, indipendentemente dalla razza pura.

Come si riconosce e si diagnostica?

Alla base di una corretta diagnosi di displasia dell'anca si trova una approfondita visita ortopedica, durante la quale il veterinario è in grado di stabilire se una articolazione presenta lassità, si percepiscono rumori di attrito tra i capi articolari o se si evoca una reazione algica del soggetto. in questi casi è consigliabile procedere ad un esame radiografico, che consenta di stabilire in maniera certa la presenza di malformazioni e deformazioni. L'esame radiografico deve essere effettuato in anestesia, non solo per ottenere una perfetta immobilità del paziente ed un adeguato posizionamento degli arti e del bacino da radiografare, ma anche per consentire al veterinario di effettuare una valutazione dinamica delle articolazioni per individuarne eventuale lassità.

La displasia dell'anca si può prevenire e curare?

Non è mai troppo presto per procedere ad una diagnosi precoce della displasia. Un cucciolo displasico raramente evidenzia a pochi mesi di vita i sintomi della malformazione, ma i segni radiografici possono essere individuati anche precocemente, a partire dai 3 o 4 mesi di vita per le razze a rischio e dai 6 mesi in poi per tutte le razze grandi. Riconoscere al più presto i rischi legati allo sviluppo di una displasia dell'anca significa intraprendere tutte le misure preventive, mediche o chirurgiche volte ad evitare o a ridurre i gravi problemi osteoarticolari che il cane potrà evidenziare da adulto.

Studio Medico Veterinario Bellucci
Data: 03-02-2015
« Indietro
Studio Medico Veterinario Bellucci
Via Veglia, 40
20159 - Milano
Milano - Italia
C.F. / P.Iva: 06523930151
Tel: 02.6682882
info@studiomedicoveterinariobellucci.eu